Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Nuova disciplina degli stupefacenti e rideterminazione della pena

sconto
10%
Nuova disciplina degli stupefacenti e rideterminazione della pena
titolo Nuova disciplina degli stupefacenti e rideterminazione della pena
autore
argomenti Legale > Penale
Enti pubblici > Servizi demografici
collana Legale
editore Maggioli Editore
formato Libro
pagine 324
pubblicazione 2014
ISBN 9788891604873
Scrivi un commento per questo prodotto
 

Abstract

L'opera è aggiornata con la sentenza n. 32/2014 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l'illegittimità degli articoli 4bis e 4vicies ter del D.L. n. 272/2005 convertito con modifiche in L. n. 49/2006 (cosiddetta legge Fini-Giovanardi) e con il D.L. n. 36/2014 convertito con modifiche in L. n. 79/2014 (G.U. 20 maggio 2014 n. 115) che ha riformulato le tabelle concernenti l'indicazione delle sostanze stupefacenti e psicotrope e relative pre...
40,00 36,00
 
risparmi: € 4,00
Spedito in 2 giorni
Condividi
L'opera è aggiornata con la sentenza n. 32/2014 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l'illegittimità degli articoli 4bis e 4vicies ter del D.L. n. 272/2005 convertito con modifiche in L. n. 49/2006 (cosiddetta legge Fini-Giovanardi) e con il D.L. n. 36/2014 convertito con modifiche in L. n. 79/2014 (G.U. 20 maggio 2014 n. 115) che ha riformulato le tabelle concernenti l'indicazione delle sostanze stupefacenti e psicotrope e relative preparazioni. In primo luogo, si commentano gli effetti della decisione della Corte Costituzionale anche alla luce di quanto enunciato nell'ordinanza di rimessione individuando tutte le regole giuridiche che sono interessate da questa censura di illegittimità costituzionale. In secondo luogo, si tratta del tema inerente alla pena applicabile nei procedimenti pendenti, ossia se sia configurabile quella prevista dalla legge Fini-Giovanardi ovvero quella sancita dal d.P.R. n. 309 del 1990 anche tenuto conto dell'ipotesi in cui sia stata riconosciuta la continuazione; in questo secondo caso, la tematica prospettata investe anche la rideterminazione del trattamento sanzionatorio. In terzo luogo, si esamina il problema di verificare se e in che termini sia rideterminabile la sanzione detentiva già in corso di espiazione per effetto della reviviscenza della normativa più favorevole per le droghe c.d. "leggere" stabilita dal d.P.R. n. 309 del 1990, così come originariamente previsto dal legislatore.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.