Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Urbanistica

Urban data. Tecnologie e metodi per la città algoritmica

editore: Franco Angeli

pagine: 276

La diffusione di tecnologie e metodologie digitali sta modificando radicalmente l'approccio progettuale e le relative implicazioni alle diverse scale. "Urban data" si focalizza sulle nuove modalità progettuali e operative capaci di traguardare i futuri delle città sulle sfide energetiche, sociali e ambientali. Nella città algoritmica, i tradizionali confini tra ambiti conoscitivi vengono superati e lasciano posto a visioni condivise basate su una grande quantità di dati e informazioni dove la complessità viene affrontata tramite modelli articolati e flessibili. Questo libro si configura come piattaforma in cui diversi approcci di progettazione urbana si fondono in una dimensione integrata, con metodologie di gestione delle trasformazioni adattabili al mutare delle esigenze urbane in tempo reale. I diversi contributi permettono di delineare il quadro teorico e la prassi operativa delle tecnologie digitali e le implicazioni della datizzazione sul progetto e sul modello integrando diverse scale di intervento. Il contributo si caratterizza per la varietà di approcci e di esempi nonché per la peculiare esperienza teorico/pratica degli autori.
39,00

Forme e processi per il progetto di territorio. Pratiche e prospettive nella Sicilia occidentale

editore: Franco Angeli

pagine: 262

I contributi raccolti nel presente volume sono l'esito di ricerche che hanno indagato, attraverso prospettive plurime e un'ampia rassegna di casi studio, il tema del progetto di territorio, e di come tale progetto possa declinarsi in ambiti meridionali caratterizzati da problematiche di lungo periodo e da una debole presenza degli attori pubblici nel governo del territorio. Il programma di ricerca aveva infatti come obiettivo l'individuazione e definizione degli elementi che costituiscono la forma del progetto di territorio, a partire dall'analisi di casi studio della Sicilia occidentale. Le ricerche, analizzando esperienze di pianificazione e politiche territoriali, ed elaborando al tempo stesso approfondimenti teorici in riferimento ai temi dei beni comuni e dello spazio pubblico territoriale, hanno esplorato logiche e componenti che possano contribuire alla determinazione di possibili modelli progettuali di riferimento. In ragione delle specificità del contesto locale oggetto di indagine, particolare attenzione è stata posta alle problematiche inerenti la difficile conciliazione tra regole del buon governo e contesti locali. Gli autori dei saggi hanno, pertanto, esplorato quali possano essere le componenti del processo di governo del territorio dalle quali è possibile ripartire per il rilancio di un'azione pubblica di progetto di territorio in Sicilia.
32,50

La ricerca-azione in pianificazione territoriale e urbanistica

di Laura Saija

editore: Franco Angeli

pagine: 252

La ricerca-azione nasce dall'idea che sia possibile migliorare la realtà mentre la si "conosce". A fronte di una certa notorietà nel campo della ricerca sociale applicata, essa è poco praticata nelle discipline che si occupano di città e territorio, in particolare in Italia. Questo succede anche se le poche sperimentazioni condotte hanno dimostrato la capacità di incidere positivamente nei contesti che si caratterizzano per una storica resistenza all'innovazione e al cambiamento. Il libro approfondisce le radici etiche ed epistemologiche della ricerca-azione, anche attraverso il racconto dettagliato di due esperienze pratiche in cui l'autrice è stata direttamente coinvolta, nel sud dell'Italia e nel sud degli Stati Uniti. L'obiettivo è chiarire i numerosi fraintendimenti che esistono su cosa sia davvero la ricerca-azione in pianificazione territoriale e urbanistica, individuandone le profonde differenze rispetto alla pianificazione partecipata e ad altri approcci di ricerca, basati su una relazione università-territorio di consulenza professionale oppure di mero volontariato. Con ciò si vuole contribuire ad aumentare la carica etica di quello che ricercatori e studenti imparano dentro le mura delle università, proprio spingendoli a impegnarsi per migliorare concretamente i quartieri, le città e i territori che si trovano al di fuori di tali mura.
32,50

Visioni della sostenibilità. Politiche ambientali e strumenti di valutazione

di Giampiero Lombardini

editore: Franco Angeli

pagine: 338

Le ultime analisi scientifiche elaborate a diversi livelli pongono, con evidente urgenza, il duplice problema dell'esauribilità delle risorse e delle modificazioni apportate dall'uomo alle componenti ambientali.. L'acuirsi della crisi ambientale va di pari passo con la crescita degli squilibri sia tra le varie aree del Pianeta che all'interno stesso di ciascuna regione, attraversando città e territori. In questo quadro la questione della sostenibilità si pone in modi inediti. Rispetto ad essa si sono avviati, negli ultimi anni, due grandi movimenti dai quali sta prendendo corpo quello che sembra potersi individuare come un insieme di nuove visioni per la sostenibilità. Il primo di questi, a scala globale, affronta la questione del cambiamento climatico che è la manifestazione di un uso distorto e insostenibile delle risorse planetarie. Nella varietà degli approcci, i nuovi modelli (decarbonizzazione, dematerializzazione, conservazione della biodiversità) hanno arricchito il quadro degli strumenti per la gestione e la valutazione dell'ambiente, in parte innovando gli apparati teorico-metodologi dell'economia ambientale e dell'economia ecologica. A scala locale invece, un insieme di nuovi approcci si orientano a promuovere forme di sostenibilità "dal basso" che hanno l'obiettivo del miglioramento delle condizioni socio-ambientali urbane e regionali. In questo senso, le due visioni possono essere viste come integrabili e, d'altra parte, le filosofie che le animano fanno riferimento ad uno sfondo comune.
42,00

Shrinking San Siro

editore: Maggioli Editore

pagine: 230

Da una decina d'anni a San Siro, quartiere milanese di edilizia pubblica, è in aumento il numero di serrande abbassate: i pochi spazi non residenziali presenti, come locali commerciali e spazi sociali, faticano a proseguire la propria attività, subendo in modo pressante il peso dei canoni di affitto elevati, la concorrenza della grande distribuzione commerciale, l'essere chiusi all'interno di un quartiere ancora considerato come "ghetto" e in cui le problematiche sociali sembrano annullare, agli occhi esterni, la varietà di risorse locali al suo interno. Molti di questi spazi non residenziali, oggi vuoti, rappresentano luoghi pubblici negati alla collettività. Alcuni di essi, più rilevanti per dimensione e per valore simbolico, sono testimoni di un territorio in continuo cambiamento e raccolgono desideri e istanze di chi li immagina come nuove possibilità per il quartiere. Questa ricerca inserisce il contesto specifico di San Siro all'interno di un processo generale di "shrinkage", o "contrazione", tipico delle città contemporanee e la cui eredità materiale è una serie di manufatti e spazi in abbandono per i quali è necessario sperimentare nuove forme di riattivazione. Il lavoro propone quindi di leggere gli spazi vuoti come risorse possibili per San Siro interrogandosi su come questi, grazie ad una riflessione partecipata con attori e realtà locali, possano diventare il punto di partenza di un percorso di rigenerazione più ampio.
15,00 13,50

La città del XXI secolo. Ragionando con Bernardo Secchi

editore: Franco Angeli

pagine: 112

La città contemporanea ha costituito il tema che Bernardo Secchi ha trattato con più intensità negli ultimi suoi anni. Un tema che l'ha visto impegnato sul piano metodologico, dell'intervento diretto sulla città e, in ultimo, sotto gli aspetti direttamente politici. Proprio per questo suo impegno il tema è sembrato agli autori, molti dei quali con una lunga reciproca frequentazione, che meritasse una particolare attenzione ma a partire proprio dell'elaborazione di Secchi. Il libro è, infatti, immaginato e realizzato come un colloquio-confronto con l'amico scomparso e contemporaneamente come un omaggio, un ricordo. Nessuna agiografia, ma come vuole la tradizione dei rapporti degli autori con Bernardo Secchi, attenzione, differenziazione, punti di vista diversi, confronto. L'amicizia non vuole diplomazia ma sincerità.
17,00

La strada che parla. Dispositivi per ripensare il futuro delle aree interne in una nuova dimensione urbana

editore: Franco Angeli

pagine: 246

Il racconto di un'esperienza di ricerca-azione, realizzata a Calangianus, un piccolo paese situato nel territorio dell'Alta Gallura, diventa nel libro l'occasione per riflettere e ragionare sul ruolo che le aree scartate dai processi di modernizzazione possono svolgere nel ripensare l'idea stessa di città. Il libro, nel costruire nella prima parte le sue cornici teoriche di riferimento, mette alla prova l'idea che questi territori possano, in questo momento di crisi, diventare le pietre angolari da cui partire per costruire una città rinnovata. Una città intesa non più come agglomerato delimitato e circoscritto, ma come una partitura polifonica in cui, in un accostarsi di pieni e di vuoti, di addensamenti e di pause, di adagi e di veloci, di luoghi deserti e di nodi a forte intensità, ci sia spazio per le dimensioni più profonde dell'umano e dove anche il silenzio possa essere, finalmente, ascoltato. Questa visione viene sviluppata e arricchita nella seconda parte del testo attraverso il racconto dell'esperienza realizzata. Il libro, in forma di pensiero raccontato, segue la sperimentazione nel suo farsi, dialogando con prospettive storiche, filosofiche, sociologiche ed estetiche. Gli autori, nel partire infatti dal presupposto che, perché queste aree marginali possano riprendere la parola, sia necessario attivare inedite forme di partecipazione sociale, anziché immaginare di calare dall'alto un progetto, propongono la creazione di un dispositivo costruttivo e relazionale.
32,00

Rigenerare l'ambiente costruito. Comunità, ecologia ed innovazione

di A. Monsù Scolaro

editore: Franco Angeli

pagine: 100

La rigenerazione urbana sembra oggi l'imperativo rispetto al quale immaginare le possibili vie progettuali per risolvere le "non qualità" - ambientale, urbana, sociale, tecnologica, spaziale architettonica - accumulate nel corso di questi ultimi decenni di trasformazione dell'ambiente costruito. Oggi la complessità dei processi che affronta colui che opera in campo architettonico ed urbanistico implica il tener conto di molteplici fattori ed elementi secondo un "approccio integrato" tra attori e strumenti che prenda in considerazione anche in particolar modo il contributo attivo dalle comunità locali e la dimensione ecologica delle trasformazioni dell'ambiente. Secondo questo orientamento, sulla base delle esperienze di studio e ricerca condotte, riteniamo che una concreta sostenibilità sociale ed ambientale del "fare architettura" non possa perseguirsi senza un coinvolgimento attivo dell'abitante ed una piena consapevolezza delle ricadute ambientali. Il presente volume è articolato in due sezioni - Comunità e sistemi resilienti e Sperimentazioni e ricerche tra sostenibilità ed innovazione. I campi indagati riguardano il concetto di resilienza delle città e le modalità che è possibile attuare per sopportare il cambiamento; si sviluppa il concetto di "città a misura di tutti"; mentre al tempo stesso si interpretano gli interventi di rigenerazione urbana quali processi di "intelligenza collettiva".
15,00

Verso una pianificazione antifragile. Come pensare al futuro senza prevederlo

editore: Franco Angeli

pagine: 160

Gli urbanisti hanno finora pensato di poter trasformare il mondo, ma si tratta di interpretarlo. L'idea di una pianificazione capace di fare i conti con il futuro e di decidere come sarà il mondo si è rivelata per molti aspetti fallimentare. Per quattro buone ragioni. Prevedere è difficile, pressoché impossibile - ma è necessario. Le forze che agiscono nella trasformazione della città sono determinate da processi e dinamiche che non hanno nulla a che fare con la pianificazione. Un approccio normativo-prescrittivo non tiene conto dell'inesorabile volontà di molti esseri umani a fare a modo loro. C'è una piccola distorsione totalitaria nell'idea di sapere che cosa è meglio per gli altri (anche se ci si riuscisse). Questo libro è a favore della necessità di pianificare (per dirla con Colin Ward: "Io non credo che ci si dovrebbe liberare della pianificazione. I ricchi potranno far tutto quel che vogliono, se ciò accade"). Ma di una pianificazione che possa funzionare. La nozione di antifragilità è essenziale per questo scopo. Non solo perché - in moltissimi casi - le città sono si-stemi antifragili, ma perché una pianificazione che operi in direzione dell'antifragilità può essere efficace e costruire le condizioni per evitare iniquità e bruttezza e favorire il diritto alla città.
25,00

I borghi antichi abbandonati. Patrimonio da riscoprire e mettere in sicurezza

di Francesca Pirlone

editore: Franco Angeli

pagine: 208

Le ricchezze culturali e paesaggistiche abbandonate o in via di abbandono nel nostro Paese o anche in altri Stati sono numerose. Tra queste si ricordano i borghi antichi, oggetto del presente volume, che rappresentano un patrimonio culturale inestimabile e nello stesso tempo affascinante. Oggi l'atteggiamento è quello della riscoperta di tali realtà e del voler far rivivere le relative tradizioni che, anche a seguito della globalizzazione, si stanno perdendo. La ricerca svolta analizza il tema dei borghi antichi sotto diversi aspetti: è volta inizialmente ad un censimento e successivamente alla formulazione di proposte e interventi di recupero e valorizzazione al fine di riqualificare e rivitalizzare tessuti ormai abbandonati o in via di abbandono che costituiscono in oggi valori immensi. Particolare attenzione nella ricerca ricopre l'aspetto della messa in sicurezza dei borghi antichi oggetto di calamità naturali.
16,00

Città territorio urbanistica tra crisi e contrazione. Muovere da quel che c'è, ipotizzando radicali modificazioni

di Arturo Lanzani

editore: Franco Angeli

pagine: 208

L'urbanistica non potrà essere più quella di un tempo
28,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.