Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Tributi

Memento Pratico. Accertamento e Riscossione 2017

Autori vari

editore: IPSOA-Francis Lefebvre

L’evoluzione normativa degli ultimi anni ha concentrato accertamento e riscossione obbligando l’operatore ad affrontare anche simultaneamente le due fasi. In un unico volume si illustrano accessi, ispezioni, verifiche, accertamenti analitici e induttivi e la riscossione volontaria e coattiva delle imposte.Particolare attenzione è riservata a diritti e doveri del contribuente a fronte di indagini dell’Agenzia delle entrate o della Guardia di finanza e dei conseguenti accertamenti.Si esamina inoltre la complessa disciplina della riscossione: dai termini di pagamento a seguito di accertamenti o cartelle, alle misure cautelari come l’ipoteca e all’esecuzione forzata esattoriale con le importanti deroghe rispetto a quella ordinaria.Il professionista è guidato, con esempi pratici e casi giurisprudenziali, nelle varie fasi dell’accertamento e della riscossione con gli strumenti di tutela del contribuente.Novità e punti di forza: Superamento di Equitalia con il nuovo Agenzia-Entrate Riscossione Nuova disciplina della dichiarazione integrativa a favore del contribuente Utilizzo delle perdite nell'accertamento e nell'accertamento con adesione Notifica degli accertamenti via PEC Nuovi indici di affidabilità fiscale e superamento degli studi di settore Nuovi limiti per le compensazioni e i rimborsi delle imposte Chiarimenti e casi pratici sul ravvedimento Estensione della transazione fiscale Rateazione degli importi accertati o definiti: nuovi termini e possibilità di sanare errori e ritardi
120,00

Le aree marine protette italiane. Stato, politiche, governance

di D. Marino

editore: Franco Angeli

pagine: 304

Questo volume riporta i principali risultati di un progetto di ricerca il cui principale obiettivo è stato il conseguimento di un migliore quadro conoscitivo in merito alle interazioni che, nelle aree marine e in quelle costiere italiane, si possono osservare tra lo stato delle risorse ambientali, i servizi da queste forniti, le pressioni socioeconomiche, ed i processi gestionali che in tali ambienti vengono attuati. Per conseguire tale obiettivo è sembrato naturale adottare, quale angolazione specifica di osservazione, le Aree Marine Protette (AMP), che potrebbero rappresentare ambiti privilegiati per sperimentare percorsi finalizzati ad uno sviluppo sociale ed economico sostenibile sotto il profilo ambientale, prima di tutto a scala locale, per poi trarne esempi, insegnamenti, buone prassi da replicare in una dimensione più estesa. Le Aree Marine Protette sono quindi chiamate a dare un contributo di specifica rilevanza nella gestione degli spazi costieri e marini, conciliando un duplice processo: da un lato assicurare in modo efficace la conservazione delle risorse rinnovabili e dei servizi da queste forniti, dall'altro contribuire positivamente alle economie locali, attraverso progetti innovativi che mirino all'integrazione delle risorse naturali nel sistema socioeconomico.
35,50

Un nuovo management pubblico come leva per lo sviluppo. Atti del seminario «Società complessità inclusione»

editore: Franco Angeli

pagine: 128

Dopo il primo focus del ciclo di seminari "Un nuovo management pubblico come leva per lo sviluppo" su "Istituzioni norme risultato" di cui sono stati pubblicati gli atti sul precedente numero di questa collana, continua il percorso di analisi dedicato alle sfide che attendono la Pubblica Amministrazione, con l'intento di identificare gli strumenti più idonei per superarle. A partire dall'innovazione sociale, concetto evoluto di sussidiarietà, vera prova per tutti i cittadini e per le istituzioni a cui si chiede di cambiare rotta, guardare al futuro distaccandosi da schemi precedenti, certamente più facili e consolidati, ma ormai in grande parte esauriti a causa delle complessità in cui versa la società moderna. Una complessità fatta di flussi migratori, geopolitici, finanziari e tecnologici, in cui adottare un paradigma nuovo vuol dire trovare la via per favorire l'inclusione sociale, riscoprire la reciprocità, ovvero la fiducia tra le parti e, più di tutto, recuperare il senso di collettività perduto.
14,00

Burocrazia stop! Come vivono la burocrazia le imprese e i cittadini

di SPE Confartigianato Vicenza

editore: Franco Angeli

pagine: 128

La sensazione diffusa è che la rigidità e l'inefficienza della burocrazia non siano affatto in diminuzione. Anzi, cresce tra i cittadini, le imprese e le organizzazioni, la consapevolezza di essere spesso al servizio della Pubblica Amministrazione e non viceversa. Ciò che viene richiesto con forza da più parti della società civile è un cambio di mentalità: la burocrazia dovrebbe prima di tutto rappresentare un sistema di regole ben concepite e applicate con buonsenso, utili a fare chiarezza, a ridurre la complessità, a favorire la cultura democratica e la trasparenza. Se il vero problema non sta quindi nella burocrazia stessa, ma nel fatto che ce n'è troppa e che quasi sempre funziona male, ne esiste una giusta quantità? È possibile invertire la tendenza costante della Pubblica Amministrazione a soddisfare i propri meccanismi a scapito dell'utilità generale? Una dose corretta di burocrazia è garanzia di equità e di trasparenza; una dose eccessiva uccide la convivenza civile perché porta alla proliferazione di comportamenti scorretti e illegali. Tutte queste considerazioni emergono dalla ricerca condotta dalla Scuola di Politica ed Economia (SPE) di Confartigianato Vicenza qui presentata insieme a una serie di saggi di approfondimento e a un focus dedicato alla burocrazia dei mass media e del web.
16,00

Tra fisco e contribuente. Nascita dell'amministrazione finanziaria italiana (1859-1873)

di Daniele Sanna

editore: Franco Angeli

pagine: 196

Attraverso un itinerario di ricerche condotto fra archivi pubblici e privati, l'Autore documenta il ruolo, tutt'altro che marginale, avuto dall'amministrazione delle Finanze nella storia dell'unificazione italiana. Dopo la prima fase, all'insegna della provvisorietà, gli interventi amministrativi divennero più incisivi, il modello organizzativo Piemontese fu integrato con soluzioni originali che, a livello periferico, ruotarono intorno alle Intendenze di finanza. Il nuovo assetto del Regno d'Italia fu completato in un lasso di tempo non breve poiché l'unificazione amministrativa doveva andare di pari passo con le leggi fiscali e finanziarie, ma in circa quindici anni la Destra seppe costruire una macchina organizzativa in grado di far fronte alle gravissime difficoltà economiche del Paese. I primi ministri delle Finanze del Regno d'Italia svolsero un compito straordinario, unificando gli apparati e le legislazioni dei nove sistemi finanziari presenti nelle varie province del Regno, lavoro reso arduo anche dalla difficoltà persino di catalogare il personale civile e militare che lavorava nell'amministrazione. La classe politica di governo si rivelò, sostanzialmente, all'altezza della sfida. Sella e Minghetti, in particolare, ministri per un periodo considerevole, svolsero un ruolo determinante circondandosi di uomini validi come Gaspare Finali e Giovanni Giolitti.
25,00

Fare il sindaco. Politica e management per l'amministrazione e la fusione dei comuni

editore: Franco Angeli

pagine: 280

"Fare il sindaco. Politica e management per l'amministrazione e la fusione dei Comuni" è un libro pratico, non parla di teorie astratte ma di fatti. Il dialogo, nella forma dell'intervista, permette al sindaco di raccontare non soltanto "cosa" si è trovato ad affrontare, ma soprattutto "come" ha cercato di risolvere i problemi della propria comunità. Dalla campagna elettorale ai primi approcci con la macchina comunale, dal fallimento della società di calcio alla difesa del piccolo ospedale locale fino alla realizzazione della prima fusione, in Italia, di comuni sopra i 15.000 abitanti. Nel testo si parla di governo locale, di organizzazione e di nuovi assetti istituzionali: unioni, fusioni e città metropolitana. Tutto questo richiede qualità, conoscenze specifiche e capacità di "gestione", supportate da forti competenze manageriali. Questa seconda edizione costituisce un manuale operativo per chi si trova a ricoprire incarichi istituzionali o per chiunque voglia saperne di più sul funzionamento della politica locale, con la "P" e con la "L" maiuscola.
35,00

Un nuovo management pubblico come leva per lo sviluppo. Atti del seminario «Istituzioni norme risultato»

editore: Franco Angeli

pagine: 120

Le sfide globali dell'innovazione, l'efficientamento richiesto all'Italia, la riforma della dirigenza trentina. La Pubblica Amministrazione rilegge se stessa a partire dall'asset più importante: il capitale umano. Una vera e propria rivoluzione culturale che porta la dirigenza ad assumere modelli decisionali più efficienti, moderni, veloci e sensibili, per una crescita data da performance positive, servizi ad alta qualità, istituzioni trasparenti e credibili. Ma la Pubblica Amministrazione è pronta ad affrontare il cambiamento? Al nuovo dirigente pubblico si chiede di guardare avanti, fuori e dentro. Per occuparsi del futuro e non solo del presente, adeguare l'andamento della cosa pubblica alla corsa della collettività e verificare i risultati. Un processo complesso ma non per questo irrisolvibile che, se condotto con visione strategica e capacità empatica, potrebbe rendere la Pubblica Amministrazione un motore di sviluppo sociale ed economico del Paese.
16,00

Festival della famiglia di Trento. L'ecosistema vita e lavoro. Occupazione femminile e natalità, benessere e crescita economica

editore: Franco Angeli

pagine: 162

La conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare è divenuta negli ultimi anni uno degli obiettivi centrali delle politiche sociali e familiari in tutti i Paesi aderenti all'Unione europea. Le politiche di conciliazione tra vita professionale e vita familiare vanno implementate secondo logiche sinergiche ispirate alla sussidiarietà e all'innovazione sociale e tecnologica. Le potenzialità di queste azioni per rinforzare le politiche di sviluppo locale, anche in un contesto di crisi, sono rilevanti per sostenere i livelli di occupazione femminile, i tassi di natalità, il benessere delle famiglie, ma nel contempo anche la produttività aziendale, consentendo di sviluppare nuovi servizi e nuove opportunità per imprese e famiglie. Queste politiche richiedono la messa in campo di una nuova architettura di policy pubbliche fortemente orientate a sostenere modelli di governance partecipati da tutti gli attori del sistema.
20,00

Il Veneto e la montagna sul crinale tra istituzioni e territori

di Stefano Piazza

editore: Giappichelli

pagine: 302

L'esplorazione dei complessi rapporti tra istituzioni e territori assume un interesse analitico particolare quando è effettuata in riferimento a contesti peculiari come quello montano. Nel ricostruire le vicende riguardanti le politiche istituzionali destinate, nel Veneto, alle aree montane, questo volume appronta un'indagine di tipo interdisciplinare su questioni, tuttora in auge, che insistono sulle comunità della montagna veneta, ancora alle prese con mai sopite tensioni tra i diversi livelli istituzionali che le investono ed inesausti aneliti di sviluppo autonomo ed autopropulsivo delle loro realtà socio-territoriali. Dal tratteggio analitico che ne consegue si deduce la persistenza di problematiche, ancora irrisolte, sia sul versante delle dinamiche di "innovazione istituzionale", sia su quello della protezione delle specificità territoriali delle aree montane del Veneto, per le quali rimane intatta l'esigenza di allestire politiche conformi al patrimonio storico, culturale, comunitario e identitario che le connota.
36,00

Towards smart city. Amministrazione pubblica e città di media dimensione: strategie di governance per uno sviluppo intelligente sostenibile e inclusivo del territori

di Chiara Testoni

editore: Franco Angeli

pagine: 140

Sembra doveroso porsi criticamente il quesito se l'etichetta di "città intelligente" implichi un effettivo cambiamento culturale o se invece rappresenti uno di quei tanti fenomeni fascinosi ma effimeri che attraversano ciclicamente la storia. Tale impegno è imprescindibile soprattutto da parte delle Pubbliche Amministrazioni, principali operatori e registi della trasformazione del territorio che si trovano a gestire con sempre maggiori responsabilità e minori risorse finanziarie le problematiche dell'universo in nevralgica evoluzione della città del XXI secolo. Il presente testo affronta in modo sistematico i macro-temi e le correlate sfide del mondo contemporaneo (ambiente, società ed economia), dal punto di vista di una Pubblica Amministrazione che intenda attivare concreti processi di sviluppo intelligente, sostenibile e inclusivo del territorio in un'ottica integrata e nel medio-lungo termine. Il focus della ricerca è rivolto agli aspetti di innovazione procedurale in cui le tecnologie digitali costituiscono uno "strumento" essenziale ma non il "fine" autoreferenziale per l'implementazione delle iniziative. Trattando una pluralità di aspetti tra loro interconnessi (da quelli urbanistici, a quelli economici, a quelli sociologici) e focalizzandosi nel dettaglio su aspetti procedurali attraverso l'analisi di casi studio internazionali, il testo si rivolge specificamente alle Pubbliche Amministrazioni e ai centri di ricerca e di studio sugli enti pubblici.
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.