Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Amministrazione

Compendio di contabilità pubblica (contabilità di Stato e degli enti pubblici)

di Marco Fratini

editore: Neldiritto Editore

pagine: 464

Il volume affronta le seguenti tematiche: le nozioni di contabilità, finanza ed economia pubblica; il bilancio finanziario del
20,00

Un nuovo management pubblico come leva per lo sviluppo. Atti del seminario «Economia responsabilità competizione»

editore: Franco Angeli

pagine: 86

«Un nuovo management pubblico come leva per lo sviluppo» è dedicato a identificare un New Public Management rivisitato e interessato a comprendere, davvero, i problemi delle comunità. Uno Stato in cui dai luoghi periferici dovrà emergere conoscenza, in cui la responsabilità sociale dovrà diventare valore utile al cambiamento e in cui l'economia dovrà agire come motore di innovazione. Il tutto, con un nuovo e sapiente uso della Csr - Corporate Social Responsability, da giocare, ora, sia a livello privato che pubblico, sia in ambito nazionale che locale. Con la consapevolezza che per sostenere l'economia dell'innovazione serviranno politiche contestualizzate nei territori.
14,00

Le stagioni dell'efficienza. I paradigmi giuridici della buona amministrazione

di Riccardo Ursi

editore: Maggioli Editore

pagine: 454

Il contesto normativo attuale dà per scontato - ormai è quasi un postulato di sistema - il valore giuridico del canone dell'efficienza in quanto espressione, nella sua componente dinamica, della giuridicità complessiva dell'organizzazione amministrativa. In tale senso, la giuridificazione dell'efficienza è quel fenomeno di emersione degli strumenti giuridicamente rilevanti in base ai quali il funzionamento della pubblica amministrazione viene fatto positivamente interagire dal diritto con le condizioni e con le esigenze contingenti e mutevoli, che sono, concretamente e dinamicamente, correlate alla realtà effettuale nella sua prevalente dimensione politica. Scopo della ricerca è dimostrare come tale fenomeno disegni, nel corso dell'evoluzione del nostro ordinamento amministrativo, un andamento in cui diversi sono i paradigmi di riferimento, esponenziali, in larga misura, della dimensione sociale e politica del ruolo dell'amministrazione. Pertanto, adottando una prospettiva storica, il saggio racconta come l'efficienza della pubblica amministrazione, canone assiomatico di qualsiasi organizzazione, sia diventata giuridicamente rilevante nell'ambito delle amministrazioni pubbliche dell'Europa continentale, in generale, e nell'ordinamento italiano, in particolare. Si traccia un percorso che muove dai modelli astratti dello Stato liberale e perviene, attraverso un lento e complesso sviluppo, alle recenti letture, coerenti con la lex fiscalis europea, che qualificano l'efficienza, prevalentemente, in termini di Spending review. Pertanto, da una concezione in base alla quale tutto ciò che è legale per ciò stesso va ritenuto efficiente, attraverso una serie di passaggi, contrassegnati da altrettanti mutamenti di costituzione materiale, si perviene alla convinzione odierna che solo ciò che è efficiente può essere considerato legale e, in maniera più precisa, che ciò è legale solo perché è efficiente. Tuttavia, manifestando una sorta di andamento ciclico dell'evoluzione del fenomeno, l'approdo assiologico finale presenta non pochi punti di contatto con il punto di partenza, posto che la razionalità legale continua ad essere il metro di misurazione della funzionalità. Si registra così una mutazione genetica della legalità amministrativa, esito di un processo osmotico di giuridificazione che, dall'originaria repulsione verso il criterio di efficienza, conduce ad una configurazione imperniata sul primato dell'interesse finanziario e sulla dequotazione a variabile dipendente di ogni altro interesse di rilevanza pubblica idoneo a plasmare la dimensione organizzativa.
39,00 35,10

Ricorso incidentale, ordine di esame delle questioni e principio di effettività

di Cristiana Benetazzo

editore: Giappichelli

pagine: 400

La Collana di Studi raccoglie il frutto delle ricerche del Programma Interuniversitario di rilevante interesse nazionale sul tema "Principio di legalità e amministrazione di risultati" di cui il Prof Franco Gaetano Scoca è coordinatore scientifico nazionale. Tale Programma di ricerca è frutto del cofinanziamento del Ministero della Università e della Ricerca Scientifica e delle sedi universitarie consorziate (Università degli Studi di Roma "La Sepietize". Università degli Studi di Ancona, Seconda Università degli Studi di Napoli, Università degli Studi di Palermo, Università degli Studi di Perugia e Università degli Studi di Teramo). I volumi pubblicati nella presente collana a fare data dal marzo 2072 sono stati oggetto di procedura di doppio referaggio cieco (double blind peer review), secondo un procedimento standard concordato dal Direttore della collana con l'Editore, che ne conserva la relativa documentazione.
46,00

Le società e partecipazione pubblica. Raccolta sistematica della disciplina, commentata e annotata con la giurisprudenza

di Vincenzo Donativi

editore: Ipsoa

pagine: 1364

Aggiornata al D.lgs. 19 agosto 2016, n. 175 "Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica".
100,00

La procedura d'incarico a legali esterni per la tutela dell'ente locale. Adempimenti e responsabilità

di Maria Cristina Manai

editore: Maggioli Editore

pagine: 196

L'opera è una guida operativa per il dipendente pubblico chiamato a gestire l'ufficio contenzioso e gli affari legali, uno strumento utile per districarsi nei numerosi adempimenti da assolvere nelle diverse fasi dei procedimenti amministrativi. Il contenzioso è un settore nevralgico dell'ente locale e le responsabilità che fanno capo al funzionario addetto alla sua gestione sono numerose e di diversa natura: amministrativa, disciplinare, erariale e penale. L'incarico ai legali esterni per la tutela in giudizio degli interessi dell'ente locale costituisce poi una procedura del tutto peculiare rispetto al normale affidamento di servizi di cui la P.A. si avvale, tanto da escluderne l'assoggettabilità piena sia al codice degli appalti pubblici in quanto servizio in senso stretto, sia al codice civile in quanto prestazione d'opera intellettuale. La collocazione in limine di questa fattispecie giuridica in seno alla pubblica amministrazione rende del tutto incerto l'operato dell'addetto alla gestione del contenzioso dell'ente, pur non sottraendolo alle numerose responsabilità cui egli incorre nell'assolvimento dei propri compiti. Il manuale illustra una possibile linea procedurale da seguire nel conferimento dell'incarico legale alla luce delle norme di settore vigenti e del nuovo codice dei contratti pubblici di cui al D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50. L'opera esamina anche l'utilizzo dei metodi alternativi di composizione dei conflitti (A.D.R.) da parte della P.A.
34,00 30,60

La disciplina giuridica delle strade. Uso, manutenzione e responsabilità di enti proprietari e utenti

editore: Maggioli Editore

pagine: 306

L'opera si propone di offrire un nuovo modo di affrontare il tema della disciplina giuridica delle strade, distinguendo la fase definitoria e classificatoria, dalla fase della descrizione dei diritti e delle prerogative di uso della stessa, unitamente a quella relativa ai doveri di utenti e di enti proprietari. Se i primi due capitoli si occupano quindi di definizioni e di poteri/doveri, è forse nel terzo capitolo, il tratto più originale dell'opera, ove si approfondisce l'argomento della responsabilità dell'Ente proprietario, in relazione alla condotta omissiva o insufficiente rispetto agli obblighi di custodia, manutenzione e cura che gravano su di esso. Nell'ambito di tale tema, si propongono anche importanti riflessioni sul concorso di responsabilità in relazione all'omicidio stradale e alle lesioni stradali gravi o gravissime concausate da una omessa manutenzione, anche alla luce della recente legge n. 41/2016. Il volume non trascura, infine, di dedicare attenzione anche alla responsabilità amministrativo-erariale data l'importanza sempre crescente che sta assumendo nella materia della gestione della strada. Da segnalare, infine, è la struttura che gli autori hanno dato all'opera che, nell'affrontare un tema tanto ampio ed articolato, assicura completezza e, al tempo stesso, sinteticità e chiarezza nell'esposizione, grazie anche alla presenza di utili richiami a margine che ne facilitano la lettura e di appendici normative che la completano.
40,00 36,00

La nuova conferenza di servizi dopo la riforma Madia. Dalla L. 7 agosto 1990, n. 241, al D.lgs. 30 giugno 2016, n. 127

di Massimo Santini

editore: Dike Giuridica Editrice

pagine: 228

La conferenza di servizi nasce per spingere a decidere non solo "in tempi brevi" ma anche in modo "fattibile", attraverso il contributo di più soggetti (anche privati) che consentano la realizzazione dell'intervento o del progetto richiesto. La legge delega contenuta nella Riforma Madia, accompagnata dal recente decreto delegato n. 127 del 30 giugno 2016, compie una rivisitazione integrale delle relative disposizioni contenute nella legge generale sul procedimento amministrativo. Il presente lavoro offre, per un verso, una puntuale e necessaria ricostruzione storica dell'istituto in termini sia normativi, sia giurisprudenziali; per altro verso, un approfondito e compiuto esame delle novità e dei possibili impatti determinati dal nuovo disegno di riforma.
22,00

Accountability e controlli in sanità

di Elisabetta Reginato

editore: Maggioli Editore

pagine: 256

Rendere conto della propria attitudine a tutelare la salute, nel rispetto di adeguati criteri di sostenibilità finanziaria, è una delle maggiori sfide che i sistemi sanitari sono oggi chiamati ad affrontare. Tale obiettivo è ancora più rilevante in un contesto caratterizzato dalla crescita della domanda e dei costi unitari e dalla necessità di contenimento dei bilanci pubblici. La libera circolazione dei pazienti tra le regioni italiane e, in prospettiva, tra gli stati dell'Unione Europea mette in concorrenza i differenti sistemi locali e li induce a promuovere l'efficienza, la qualità e l'integrità. Nel settore sanitario peraltro si manifesta in maggior misura il fenomeno della corruzione, che incide pesantemente sulla qualità dei servizi e mina la fiducia dei cittadini. Il processo di "resa del conto" è noto in letteratura con il termine accountability e la sua efficacia è legata al fatto che i soggetti siano sottoposti a un processo di valutazione. A tal fine, un ruolo cardine è assunto dai Sistemi di Controllo Interno (SCI), la cui funzionalità è valutata in confronto con il modello internazionale denominato Public Internal Financial Control (PIfC). Il libro affronta il ruolo assunto dagli SCI nei processi di accountability e la loro utilità nel migliorare la qualità e la sostenibilità dei sistemi sanitari e, in particolare, del Servizio sanitario nazionale italiano.
35,00 31,50

Valore pubblico e società partecipate. Tendenze evolutive della performance

di Andrea Ziruolo

editore: Franco Angeli

pagine: 150

Il guanto di sfida, lanciato al legislatore da una collettività non soddisfatta dei servizi ricevuti, richiede alla Pubblica Amministrazione un cambio di paradigma affinché non venga più additata come l'anello debole del Paese. La riforma complessiva della macchina pubblica che ne è conseguita, tutt'ora in atto, ha individuato nell'integrità degli attori pubblici e nel rispetto della norma le leve principali da azionare, essendo il nostro Paese il fanalino di coda europeo in materia di trasparenza amministrativa e di percezione della corruzione. Il legislatore, però, ha avvertito anche l'esigenza di intervenire sulla performance del sistema PA affidando agli standard finanziari e di qualità per ciascun servizio e ad una più precisa individuazione delle responsabilità degli attori il ruolo di ristabilire il contenuto dell'attività svolta e dei servizi erogati alla comunità. Il percorso da compiere è ancora lungo e con l'intento di sostenerlo nei suoi principi migliori, con il focus sulle società a partecipazione pubblica, è stato realizzato questo lavoro, frutto di studi e di ricerche sul campo che si è cercato di trasferire nello scritto nel rispetto di un assoluto rigore scientifico.
25,00

Fondamenti di economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche

di Renato Ruffini

editore: Franco Angeli

pagine: 368

Il volume analizza i fondamenti dell'economia e del management delle istituzioni pubbliche allo scopo di fornire ai suoi lettori tutte le conoscenze di base che servono al governo e alla gestione delle aziende pubbliche. Per fondamenti si intendono sia le nozioni di base di management pubblico, tratte dalla teoria economico aziendale classica e dalle teorie manageriali di matrice anglossassone, sia gli elementi fondamentali e imprescindibili sui quali, in base alle esperienze di decenni di applicazione della disciplina aziendale alle amministrazioni pubbliche, occorre porre attenzione al fine di governare in modo efficace la complessità dell'amministrazione della "cosa pubblica". Trattando dei fondamenti di economia delle amministrazioni pubbliche sia negli aspetti teorici sia pratici, il testo costituisce un manuale che può essere indicato sia agli studenti universitari dei corsi istituzionali, sia dei corsi master di natura più professionale. Tuttavia, in considerazione della complessità dello studio delle pubbliche amministrazioni, necessariamente pluridisciplinare, e al fine di aumentare la sua efficacia formativa, il libro è accompagnato da materiali didattici online (casi originali, letture di approfondimento, documentazioni, esercizi) che costituiscono parte integrante del volume.
32,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.