Il tuo browser non supporta JavaScript!

FUORI SERVIZIO

Attenzione, controllare i dati.

Libri di C. Cipolla

Achille Ardiò nelle sue attività istituzionali

di C. Cipolla

editore: Franco Angeli

pagine: 226

Questo volume mostra un aspetto dell'intenso e poliedrico lavoro di Achille Ardigò, e cioè quello più propriamente interno all
29,00

Infermiere di famiglia e di comunità. Proposte di policy per un nuovo welfare

editore: Franco Angeli

pagine: 386

È trascorso oltre un decennio da quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito il ruolo di una nuova figura professionale centrale per l'assistenza di base: l'infermiere di famiglia. Da allora, in Italia sono stati fatti vari tentativi d'inserimento di questa figura nel Sistema Sanitario, senza però mai giungere ad una sua ratifica e regolamentazione ufficiale. Nel processo di riorganizzazione del Sistema Sanitario Nazionale, che a fronte di una riduzione di servizi ospedalieri dovrà necessariamente prevedere un potenziamento dei servizi territoriali e delle cure primarie, l'introduzione dell'infermiere di famiglia e di comunità può costituire una soluzione efficace per garantire la continuità assistenziale e l'integrazione socio-sanitaria. Questo volume si pone, quindi, un obiettivo ambizioso: dimostrare come l'infermiere di famiglia e di comunità sia indispensabile, nell'attuale sistema sanitario, per affrontare l'odierna trasformazione in atto nella clinical governance e come debba costituire un punto di riferimento nelle cure dell'assistenza socio-sanitaria integrata. Ripercorrendo le tappe che nel panorama internazionale hanno concorso a costituire, anche in Italia, la figura dell'infermiere di famiglia e di comunità, si è svolta la prima ricerca nazionale sul tema condotta con una metodologia di tipo quali-quantitativo, al fine di meglio analizzare, e favorire, la legittimazione della figura professionale.
45,00

Per una città metropolitana solidale e innovativa. Ardigò e Bologna

editore: Franco Angeli

pagine: 180

Questo volume è il riflesso di quel peculiare rapporto tra Achille Ardigò e la città di Bologna, storicamente esplicitatosi tanto nell'impegno politico quanto in quello accademico presso la sua Università. Il filo rosso che percorre il presente progetto editoriale consiste nella certezza che il pensiero e l'azione di Achille Ardigò forniscano una straordinaria occasione per riflettere, ma anche progettare il futuro della città di Bologna, oggetto di cambiamenti assai profondi. I contributi qui presenti tracciano alcuni nodi focali nella lettura del Maestro, sociologo ancorato alla realtà storica e al contempo capace di captare i segni dei tempi, favorendo non pochi spunti per un florido e costruttivo dibattito che possono rispecchiarsi nel contesto bolognese, nella convinzione che la riflessione ardigoiana sul welfare continui ad esercitare a Bologna una influenza importante.
23,00

Giocosofare. Imparare a ragionare e fare filosofia giocando

di Barbara Cipolla

editore: Franco Angeli

pagine: 150

È il chiedersi sempre "perché?" che accomuna bambini e filosofi: come il filosofo anche il bambino non si accontenta di risposte scientifiche ma insiste nel capire a fondo le cose della vita, per sedare le sue ansie esistenziali. Se il bambino, ad esempio, vuol sapere "Perché moriamo?", non è certo interessato a una lista di cause di morte, bensì vuol essere informato sul possibile senso della morte. L'adulto resta sempre disarmato di fronte a domande esistenziali e tende a sfuggirvi o a dare risposte preconfezionate anziché incoraggiare il bambino a porsi altre domande. Questo comporta purtroppo la perdita della curiosità. Questo testo vuole presentare un metodo per interrogarsi nel modo giusto e accedere a risposte personali, sia pur provvisorie. Vuole insegnare a genitori, educatori e insegnanti come seguire i propri bambini nelle loro curiosità e accompagnarli, giocando, nel mondo del perché passando attraverso la porta della riflessione filosofica. In questo libro troverete esempi di dialoghi tra genitori e figli, nonni e nipoti, insegnanti e alunni, tratti da esempi di vita vissuta. E reincontrerete le vostre domande di bambino.
19,00

Storia della Croce Rossa in Toscana dalla nascita al 1914

editore: Franco Angeli

pagine: 784

La Croce Rossa in Toscana nasce grazie a Guido Corsini, un animo gentile e sensibile che avrà agli inizi un rapporto amicale con Henry Dunant. Dopo i tempi eroici di Corsini e delle origini, il Comitato fiorentino ebbe presidenti illustri, di cui solo due non di famiglia nobiliare, Carlo Burci, noto chirurgo, e l'avvocato Gino Cappelli, tutti gli altri erano titolati: il conte Gabrio Casati, il marchese Garzoni, il principe Piero Strozzi, capace di donare personalmente un intero ospedale da campo, il principe Don Tommaso Corsini, presidente onorario a vita. Anche in campo femminile non si scherzò. Basti ricordare la marchesa Eleonora Corsini Rinuccini, la contessa Virginia De Cambray Digny Tolomei, la contessa Emilia Peruzzi, la principessa Anna Corsini, la marchesa Nerina Gigliucci di Marignano de' Medici, la contessa Eva Bossi Pucci, la contessa Margherita De Bellegarde di Saint Lary, la marchesa Eleonora Antinori dei principi Corsini, ecc.
49,00

La storia del nursing in Italia e nel contesto internazionale

editore: Franco Angeli

pagine: 608

La storia del nursing in Italia è la storia di un cospicuo ritardo nei confronti di alcuni paesi che, nel contesto internazionale, sono stati teatro della professionalizzazione e dello sviluppo in senso scientifico dell'infermieristica. Tuttavia, come si osserverà leggendo queste pagine, il ritardo italiano non deve neppure essere ingigantito, esagerato o tanto meno considerato incolmabile. In ciò, consiste lo scopo di questo volume: senza cedere alle opposte tentazioni dell'esterofilia e del nazionalismo, si è voluto ritornare ai nudi fatti per sviluppare un'interpretazione solidamente collegata ad essi, non basata su tesi aprioristiche, ricostruendo l'evoluzione dell'infermieristica italiana degli ultimi due secoli in una prospettiva comparata rispetto alla sua parallela evoluzione in altri Stati dell'Occidente.
49,00

Il progetto della tavola. Costruire lo spazio della convivialità

di Alessia Cipolla

editore: Franco Angeli

pagine: 182

L'allestimento della tavola non può essere banalizzato attraverso regole meramente estetiche o di "bon ton", ma costruito secondo un innovativo approccio di progetto di intrattenimento globale che interessa i sensi, lo spazio, il menu, l'estetica della tavola e del piatto e la professionalità del servizio, senza tralasciare il ruolo attivo degli "abitanti temporanei" dell'area della tavola, i commensali. L'allestimento si trasforma, così, in vera e propria composizione architettonica dove il campo bidimensionale del tavolo diventa la superficie sulla quale costruire un progetto architettonico in una combinazione di aree pubbliche e private, spazi intimi e condivisi, tracciati, riferimenti spaziali e relazionali ma anche di forme, colori, materiali, calibrando i pieni e i vuoti, i chiaroscuri, i ritmi e le proporzioni. La tavola assume, così, il nuovo ruolo di spazio "abitativo", vivo e dinamico. Questo testo si propone come una guida che contiene le basi professionali per il lavoro di allestimento della tavola in tutte le sue tappe, ma arricchito di riferimenti usualmente distanti da questa "arte" come la psicologia, l'antropometria, la teoria del campo e del colore, la composizione architettonica, l'illuminazione e la scelta dei materiali. Il volume si rivolge a lettori professionisti nel campo della ristorazione o nella realizzazione di eventi, a stylist, come anche a privati e appassionati del tema.
27,00

Le implicazioni sociali del gioco d'azzardo. Il caso dell'Emilia Romagna

di C. Cipolla

editore: Franco Angeli

pagine: 176

Il volume riporta i risultati di una ricerca biennale, diretta da Costantino Cipolla, riguardante le implicazioni criminologiche e vittimologiche del gioco d'azzardo in Emilia-Romagna. La ricerca, frutto di un protocollo d'intesa tra la Regione Emilia-Romagna e l'Università di Bologna, ha visto il coinvolgimento di giocatori, ex giocatori, figure apicali delle Forze dell'Ordine e operatori delle strutture di recupero di 9 province emiliano-romagnole, concludendosi con un Report nel dicembre 2013. Fra i principali esiti rilevati, si evidenzia come l'azzardo, quale "nuova e incentivata forma di consumo", anche nel web, sia caratterizzato da un aumento del numero dei giocatori in valore assoluto e del gradiente criminogeno sotteso al poliedrico mondo del gambling, in misura direttamente proporzionale all'allargamento dei confini di quest'ultimo. Questo volume propone dunque degli orientamenti per la comprensione dei più recenti trend afferenti al mondo dell'azzardo, una significativa banca dati sulla correlazione fra gioco d'azzardo e crimine, attinente alla realtà locale ed al tessuto sociale dell'Emilia-Romagna, ed un'analisi delle politiche territoriali volte a contrastare gli effetti dannosi dell'azzardo, con riferimento sia alle condotte patogene che alla sicurezza e alla prevenzione delle attività illegali e delle infiltrazioni della criminalità organizzata e mafiosa sul territorio.
25,00

Sicurezza e salute sul lavoro. Quale cultura e quali prassi?

editore: Franco Angeli

pagine: 400

Avere una legislazione specifica in materia di prevenzione dei rischi psico-sociali non è una condizione necessaria per sviluppare e attuare politiche di gestione dei rischi psico-sociali in azienda, dando vita ad una sorta di cultura preventiva e garantire l'effettiva applicazione della legge. Sarebbe auspicabile prevedere strumenti idonei a favorire l'attuazione delle norme che siano sufficientemente flessibili per soddisfare ogni tipo di organizzazione. In mancanza, le norme astratte rischiano di rimanere inattuate, richiedendo, inoltre, riforme e aggiornamenti continui. Per questo è necessario, una volta assicurata la "certezza del dovere", anche il "sapere come". Nonostante nell'Unione Europea (UE) esista un quadro normativo comune disciplinante i rischi sul lavoro, permangono ancora molte differenze tra le discipline nazionali, soprattutto per quanto riguarda i rischi psico-sociali, dovuti probabilmente alle diverse culture e tradizioni giuridiche. La debolezza del sistema italiano sta proprio nel settore della prevenzione. Se la legislazione preventiva fornisce un riferimento sufficiente e un quadro normativo per organizzare e gestire una strategia specifica di prevenzione incorporando il rischio di molestie, violenza, stress, l'obbligo legale di proteggere il lavoratore passa attraverso l'articolazione di un pubblico e convenzionale criterio di aggiornamento concreto in materia di rischi sul posto di lavoro.
48,00

La rivoluzione digitale della sessualità umana

di C. Cipolla

editore: Franco Angeli

pagine: 544

Il volume presenta una serie di contributi che, in ottica squisitamente sociologica, e non rinunciando all'apporto prezioso di altre discipline, quali, l'economia, la giurisprudenza, la psicologia, vuole rendere conto dei cambiamenti che la diffusione di internet e l'utilizzo del web ha apportato sul nostro vivere la sessualità. Svariate sono le tematiche affrontate, così come plurime sono le metodologie di volta in volta adottate dagli autori e dalle autrici dei testi per sondare ed indagare i meandri della sessualità digitale e giungere a descriverne le caratteristiche peculiari e gli attori di volta in volta coinvolti, rendendone palese la diffusione e pluralizzazione massima in grado di cambiare profondamente il nostro modo di vivere, definire e concettualizzare sesso e sessualità. Tali importanti mutamenti si concretizzano pertanto in quella che può essere definita come una vera e propria rivoluzione della sessualità umana, che stiamo attualmente vivendo e, certamente, proseguirà nel futuro, di cui il volume offre un'ampia, e attualissima, descrizione.
46,00

Storia della Croce Rossa in Piemonte dalla nascita al 1914

editore: Franco Angeli

pagine: 480

La storia del primo cinquantennio della Croce Rossa in Piemonte è la "somma" di due circoscrizioni complessivamente assai diverse e precisamente la I (Torino) e la II (Alessandria). La I circoscrizione, infatti, è caratterizzata dal ruolo rilevante della nobiltà e delle gerarchie militari, mentre la II ha una fisionomia maggiormente 'professionale'; non è inoltre trascurabile anche la diversa dimensione demografica caratterizzante le due realtà, con significativi impatti sulle relative quantità di soci. Come si evidenzia nel volume, la storia della Croce Rossa piemontese si caratterizza soprattutto per alcune specifiche: marcata connotazione aristocratica (in particolar modo prettamente sabauda) e militare; forte presenza femminile; limitata vocazione infermieristica delle dame piemontesi; interessante rapporto originale tra la Sanità Militare e la Reale Accademia di Medicina di Torino.
40,00

Dalla relazione alla connessione nella web society

di Costantino Cipolla

editore: Franco Angeli

pagine: 272

Il volume si propone di aprire qualche nuova strada teorica, orientandosi decisamente verso il futuro e, quindi, cercando a suo modo anche di anticiparlo, nel tentativo di capire la nostra attuale società digitale. Nel fare questo, siamo stati costretti a sgomberare molte cantine, a ripulire scaffali ancora in bella vista, ad abbandonare al loro destino polveroso interi filoni di pensiero cassati, senza volerlo, dal mutare del corso della storia, assumendoci ovviamente tutte le responsabilità del caso, giustificando le nostre scelte. Questo non vuole affatto significare che la nostra è stata una supponente ed insostenibile volontà di solitudine euristica. Tutt'altro. Il ricorso, che nel volume sarà molto frequente, fino alla sua chiosa finale, ad autori classici di vario tipo e natura, a parti o intuizioni del loro pensiero, dimostra esattamente il contrario. Fare teoria sociologica (non filosofica) significa applicare (ecletticamente) al contesto attuale categorie che, pur nate per altri fini, dimostrano, proprio in quanto "classiche", una capacità esplicativa in qualche modo trans-storica, in grado cioè di illuminare aspetti della vita sociale di oggi molto diversi o addirittura contrastanti rispetto a quelli di ieri. La sociologia, soprattutto quella generale, è in grave ritardo in tal senso?
33,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.