SPEDIZIONE GRATUITA per ordini sopra i 50 €

 

SERVIZIO CLIENTI 0541.628764 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

 

Cerca nel Sito

Ordinamento e deontologia forense

Aggiornato
- alla L. 31 dicembre 2012, n. 247 (Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense)
- ai regolamenti Cnf 1/2013 (Associazioni specialistiche) e 2/2013 (Sportello del cittadino)

- Riferimenti dottrinali e giurisprudenziali
- Codice deontologico e testo integrale della L. 247/2012

Dettagli

Garantire al cittadino l'effettività della tutela dei diritti, conservando i valori della tradizione e ammodernandosi assecondando le esigenze di una società moderna: questo il filo conduttore che ha guidato il legislatore nell'intelaiatura del nuovo Statuto degli avvocati approvato con la legge 31 dicembre 2012, n. 247.
Così, fra tradizione e modernità, si colloca l'intervento riformatore dell'ordinamento forense ancorato ad una legislazione risalente al 1933 e costretto, in un breve arco tempo temporale, a modificarsi per contrastare le continue trasformazioni del mercato e favorire i principi di liberalizzazione e concorrenza.
Nell'illustrata cornice si inserisce questo volume che affronta la materia alla luce delle nuove disposizioni già in vigore e cercando di armonizzare le norme vigenti con quelle che, invece, troveranno applicazione solo a seguito degli emanandi regolamenti che entro i prossimi due anni porteranno a compimento il percorso riformatore.
Allo stato il Consiglio nazionale forense ha provveduto ad emanare:
- il regolamento 11 aprile 2013, n. 1 che istituisce e disciplina l'elenco delle associazioni forensi specialistiche maggiormente rappresentative, le quali, una volta inserite nell'elenco, parteciperanno con i Consigli dell'Ordine all'organizzazione di corsi per l'acquisizione del titolo di avvocato specialista.
- il regolamento 19 aprile 2013, n. 2 che disciplina le modalità di accesso allo Sportello del cittadino, da istituire presso ogni Consiglio dell'Ordine cui potrà rivolgersi per ottenere informazione e orientamento per la fruizione delle prestazioni professionali degli avvocati e per l'accesso alla giustizia.
- la circolare n. 6-C-2013, con cui è stata predisposta una bozza di regolamento per l'istituzione di un organismo per la promozione della parità di genere nella professione. Si tratta del Comitato per le pari opportunità, che, secondo quanto disposto dalla L. 247/2012, deve essere obbligatoriamente costituito presso ogni Consiglio dell'Ordine degli Avvocati.
Sono stati, inoltre, riportati i più significativi indirizzi giurisprudenziali afferenti argomenti nodali e critici dell'ordinamento, fra i quali si segnala la sentenza 16 maggio 2013, n. 11833 in materia di incompatibilità fra la professione forense e l'impiego pubblico part-time.

Indice del volume
L'ordinamento professionale forense - Tenuta degli albi e disciplina delle incompatibilità - Il tirocinio professionale e l'esame di Stato - L'influsso dell'ordinamento europeo - La promozione dello strumento conciliativo. Gli organismi di mediazione - La responsabilità professionale - Profili patrimoniali del rapporto professionale - Norme deontologiche e potestà disciplinare - Il procedimento disciplinare - Brevi annotazioni al Codice deontologico - Appendice normativa

Ulteriori informazioni
Pagine 239
Nr di edizione 4
Isbn 883878101X
Editore Maggioli Editore
Autore Lilla Laperuta
Anno Edizione 2013
ean 9788838781018
Formato 15x21
Mese Edizione Maggio
Spesso acquistati insieme

Back to top